Crea sito

2. MALATTIE ENDOCRINE E METABOLICHE

15. IPERLIPIDEMIA

(Iperlipoproteinemia) Presenza di elevati livelli di lipoproteine nel plasma, che può essere primitiva o secondaria. (v. anche Aterosclerosi nel Cap. 201.)

IPERLIPOPROTEINEMIA DI TIPO IV

(Ipertrigliceridemia endogena; iperprebetalipoproteinemia)

Disordine comune, spesso a distribuzione familiare, caratterizzato da aumenti variabili dei trigliceridi plasmatici contenuti prevalentemente nelle lipoproteine a bassissima densità (pre-b) e da possibile predisposizione all'aterosclerosi.

Sommario:

Introduzione
Sintomi, segni e diagnosi
Prognosi e terapia


A causa dei livelli di trigliceridi endogeni utilizzati come soglia per la definizione dell'iperlipoproteinemia di tipo IV, il disordine risulta comune negli americani di media età di sesso maschile.

Inizio Pagina

Sintomi, segni e diagnosi

Questa iperlipidemia è frequentemente associata a una lieve alterazione della tolleranza al glucoso (insulino-resistenza) e a obesità, e può essere accentuata dalla restrizione dei grassi alimentari e dalla concomitante aggiunta di carboidrati alla dieta (mantenendo costante l'apporto calorico). Il plasma è torbido e i livelli di trigliceridi sono sproporzionatamente elevati. Il TC può essere normale o modicamente aumentato (spesso a causa di stress, alcolismo ed eccessi alimentari) e può essere associato a iperuricemia. La riduzione dei livelli di HDL è dovuta all'innalzamento dei trigliceridi e spesso si normalizza quando i livelli di trigliceridi si riducono.

Inizio Pagina

Prognosi e terapia

La prognosi è incerta. La malattia può essere associata alla CAD precoce.

La riduzione del peso corporeo e la limitazione del consumo di alcol, quando sono possibili, costituiscono il trattamento più efficace e spesso normalizzano i livelli dei trigliceridi. Sono importanti il mantenimento del peso corporeo ideale e la restrizione dei carboidrati e dell'alcol. Nei pazienti i cui livelli non vengono controllati dalla sola dieta, la niacina 3 g/die PO o il gemfibrozil 0,6-1,2 g/die PO in dosi frazionate riducono ulteriormente la lipemia. Grandi quantità di olii somatici di pesce (da 8 a 20 g/die) sono frequentemente di notevole efficacia nel trattamento dell'ipertrigliceridiemia secondaria agli elevati livelli di VLDL.

Inizio Pagina

-indietro- -ricerca- -indice sezione- -indice generale- -indice tabelle- -indice figure- -help-

Copyright © 2002 Merck Sharp & Dohme Italia S.p.A. Via G. Fabbroni, 6 - 00191 Roma - Tutti i diritti riservati.

Informativa sulla privacy