Crea sito

2. MALATTIE ENDOCRINE E METABOLICHE

12. METABOLISMO IDRO-ELETTROLITICO, MINERALE E ACIDO-BASE

METABOLISMO DEL FOSFATO

DISORDINI DEL METABOLISMO DEL FOSFATO

IPERFOSFATEMIA

Aumento della concentrazione plasmatica di fosfato al di sopra di 4,5 mg/dl (1,46 mmol/l).

Sommario:

Incidenza, eziologia e patogenesi
Sintomi, segni e diagnosi
Terapia


Incidenza, eziologia e patogenesi

L'iperfosfatemia è generalmente il risultato di una riduzione dell'escrezione renale di PO4. Un'insufficienza renale di grado avanzato (GFR < 20 ml/min) determina una riduzione dell'escrezione sufficiente a provocare un aumento dei livelli plasmatici di PO4. Difetti dell'escrezione renale di PO4 in assenza di insufficienza renale si verificano inoltre nello pseudoipoparatiroidismo e nell'ipoparatiroidismo. Iperfosfatemia si può anche osservare in seguito all'eccessiva somministrazione orale di PO4 e occasionalmente a causa dell'uso esagerato di clisteri contenenti fosfato.

Un'iperfosfatemia può anche verificarsi come risultato di un movimento transcellulare del PO4 verso lo spazio extracellulare. Ciò si verifica con maggior frequenza nella chetoacidosi diabetica (nonostante la deplezione corporea totale di PO4), nei traumi da schiacciamento e nella rabdomiolisi non traumatica, così come nelle infezioni sistemiche e nella sindrome da lisi tumorale. L'iperfosfatemia svolge inoltre un ruolo decisivo nello sviluppo dell'iperparatiroidismo secondario e dell'osteodistrofia renale nei pazienti sottoposti a dialisi cronica.

Inizio Pagina

Sintomi, segni e diagnosi

La maggioranza dei pazienti con iperfosfatemia è asintomatica, sebbene possano presentarsi sintomi di ipocalcemia, compresa la tetania, nel caso in cui essa sia contemporaneamente presente. Le calcificazioni dei tessuti molli sono comuni nei pazienti affetti da insufficienza renale cronica, specialmente se il prodotto delle concentrazioni plasmatiche del Ca e del PO4 si mantiene superiore a 70 (in mEq/l) per un tempo prolungato.

Inizio Pagina

Terapia

Il cardine del trattamento dell'iperfosfatemia nei pazienti con insufficienza renale cronica consiste nella riduzione dell'apporto di PO4. Ciò si ottiene solitamente evitando gli alimenti ad alto contenuto di PO4 e assumendo insieme ai pasti antiacidi che legano il fosfato. In passato, ai pazienti dializzati venivano frequentemente prescritti grandi quantitativi di antiacidi contenenti alluminio da assumere con i pasti proprio per questo scopo. In conseguenza delle preoccupazioni sull'insorgenza di osteomalacia da alluminio, il carbonato di calcio ha sostituito altri composti come chelante di prima scelta del PO4.

Inizio Pagina

-indietro- -ricerca- -indice sezione- -indice generale- -indice tabelle- -indice figure- -help-

Copyright © 2002 Merck Sharp & Dohme Italia S.p.A. Via G. Fabbroni, 6 - 00191 Roma - Tutti i diritti riservati.

Informativa sulla privacy